Le organizzazioni sottoscritte chiedono che gli Stati che hanno fornito e continuano a fornire armi e altre forme di assistenza militare a Israele, rispettino i loro obblighi legali e agiscano con risolutezza e urgenza per impedire a Israele di perpetrare ulteriori crimini internazionali e altre gravi violazioni del diritto internazionale. Ciò include il loro obbligo di prevenire la commissione di genocidi.

Ricordiamo a questi Stati che i loro obblighi vincolanti ai sensi del diritto umanitario internazionale, del diritto internazionale dei diritti umani, del diritto penale internazionale e di altre leggi internazionali, compresa la Carta delle Nazioni Unite (ONU), impongono loro di porre immediatamente fine a tali trasferimenti e di sospendere tutte le licenze per le armi destinate a Israele provenienti dalle loro giurisdizioni.

Gli Stati firmatari del Trattato sul commercio delle armi (ATT) hanno obblighi vincolanti aggiuntivi ai sensi del Trattato, così come gli Stati che hanno strumenti giuridici regionali e nazionali sul controllo degli armamenti.

Ricordiamo che fornire armi o sostegno militare a Israele può rendere gli Stati esportatori complici delle sue azioni.

●   States’ Facilitation of International Crimes against Palestinians through the Provision of Arms and Military Support

Dal lancio della sua offensiva militare di rappresaglia su larga scala su Gaza, il 7 ottobre 2023, l'esercito israeliano ha condotto attacchi indiscriminati, sproporzionati e altri attacchi illegali contro le infrastrutture civili, causando ampie vittime civili, anche attraverso l'uso illegale di armi esplosive e fosforo bianco.

Alle 14.00 del 5 novembre 2023, l'offensiva militare israeliana ha provocato l'uccisione di 9.770 palestinesi, tra cui 4.008 bambini e 2.550 donne, secondo il Ministero della Sanità palestinese. Inoltre, circa 2.260 palestinesi, tra cui 1.270 bambini, sono stati dichiarati dispersi e si presume siano intrappolati o morti sotto le macerie.

Con "nessun luogo è sicuro a Gaza", i civili palestinesi nella Gaza assediata, tra cui un milione di bambini, sono intrappolati in condizioni terribili sotto un bombardamento quasi costante, dove non hanno accesso a ripari sicuri, cibo, acqua, elettricità o carburante. "Il completo assedio di Gaza, unito a ordini di evacuazione irrealizzabili e a trasferimenti forzati di popolazione, è una violazione del diritto internazionale umanitario e del diritto penale", ha dichiarato il presidente della Commissione europea. denunciato dagli esperti delle Nazioni Unite. Il 27 ottobre, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, in una risoluzione adottata nella sua sessione speciale d'emergenza, ha sottolineato "l'imperativo, secondo il diritto umanitario internazionale, di garantire che i civili non siano privati di oggetti indispensabili alla loro sopravvivenza".

Le dichiarazioni dei funzionari israeliani hanno sottolineato che "l'enfasi è sul danno e non sulla precisione" e hanno chiesto di "cancellare la Striscia di Gaza dalla faccia della terra". In meno di una settimana, Israele ha dispiegato circa 6.000 bombe, quasi la stessa quantità che gli Stati Uniti hanno sganciato in Afghanistan nel corso di un anno. Siamo particolarmente preoccupati per le notizie di attacchi ai civili e alle infrastrutture civili, compresi gli attacchi al personale sanitario, ai giornalisti, agli ospedali, alle scuole, alle moschee, alle chiese, alle panetterie, alle infrastrutture di telecomunicazione e alle aree contrassegnate per il passaggio sicuro. Molti di questi atti possono costituire crimini di guerra, crimini contro l'umanità e altre gravi violazioni del diritto internazionale, compreso l' incitamento a commettere atti di genocidio.

Gli esperti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani hanno lanciato l'allarme il 19 ottobre 2023: "C'è una campagna in corso da parte di Israele che si traduce in crimini contro l'umanità a Gaza. Considerando le dichiarazioni dei leader politici israeliani e dei loro alleati, accompagnate dall'azione militare a Gaza e dall'escalation di arresti e uccisioni in Cisgiordania, c'è anche il rischio di un genocidio contro il popolo palestinese", sottolineando che "Non ci sono giustificazioni o eccezioni per tali crimini. Siamo sconcertati dall'inazione della comunità internazionale di fronte alla bellicosità della guerra".

Oltre a bombardare Gaza a tappeto, Israele ha intensificato la repressione e la punizione collettiva contro il popolo palestinese su entrambi i lati della Linea Verde. Tra il 7 ottobre e le 14:00 del 5 novembre 2023, in Cisgiordania, compresa Gerusalemme, le forze di occupazione israeliane e i coloni hanno ucciso 149 palestinesi, tra cui 44 bambini. Inoltre, il Comitato per la sicurezza nazionale della Knesset ha proseguito con "il più ampio piano del governo per armare i civili israeliani ebrei", allentando il controllo sulle armi in Israele e, secondo quanto riferito, rendendo ammissibili altri 400.000 ebrei-israeliani ad avere una licenza per le armi.

Continui trasferimenti di armi a Israele nonostante le prove di crimini e altre violazioni.

In mezzo a questi attacchi, e nonostante le gravi violazioni e i crimini contro la popolazione palestinese ben documentati e denunciati nel corso degli anni, è continuata la fornitura di armi e supporto militare a Israele da parte degli Stati Uniti (USA), il più grande fornitore di aiuti militari a Israele da decenni, e da parte di Canada, Germania, Italia, Regno Unito (UK), Paesi Bassi - Stati parte dell'ATT -. Nella sessione speciale del 2021 sulla grave situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme Est, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha esortato tutti gli Stati ad astenersi dal trasferire armi quando valutano che vi sia un chiaro rischio che tali armi possano essere utilizzate per commettere o facilitare gravi violazioni o abusi del diritto internazionale dei diritti umani o gravi violazioni del diritto internazionale umanitario.

Le nostre organizzazioni sono allarmate dalla notizia che alcuni Stati, tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Germania, hanno deciso negli ultimi giorni di fornire ulteriori equipaggiamenti militari o di "accelerare" la fornitura di equipaggiamenti militari a Israele, nonostante le ampie prove dei crimini di guerra commessi a Gaza.

Obblighi giuridici internazionali relativi ai trasferimenti di armi

Tra gli obblighi giuridici internazionali applicabili:

Diritto internazionale consuetudinario

Secondo il diritto internazionale consuetudinario, come ampiamente codificato nel Progetto di articoli della Commissione di diritto internazionale sulla responsabilità degli Stati per atti internazionalmente illeciti del 2001, uno Stato che aiuta o assiste un altro Stato nella commissione di un atto internazionalmente illecito da parte di quest'ultimo è internazionalmente responsabile se: (a) lo Stato lo fa con la consapevolezza delle circostanze dell'atto internazionalmente illecito; e (b) l'atto sarebbe internazionalmente illecito se commesso da quello Stato (articolo 16).

Ciò vale per i trasferimenti di armi e per altre forme di sostegno che contribuiscono in modo significativo all'atto o agli atti illeciti, come il supporto logistico, tecnico o finanziario, l'intelligence o la fornitura di altre attrezzature.

Diritto internazionale umanitario

L'articolo 1 delle quattro Convenzioni di Ginevra del 1949 impone agli Stati l'obbligo permanente di "rispettare e far rispettare" le protezioni delle Convenzioni in ogni circostanza. Nel suo autorevole commento all'articolo 1, il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) spiega che l'obbligo dell'articolo 1 richiede, tra l'altro, che gli Stati "si astengano dal trasferire armi se si prevede, sulla base di fatti o della conoscenza di modelli passati, che le armi saranno utilizzate per violare le Convenzioni".

Trattato sul commercio delle armi (ATT)

Lo scopo esplicito dell'ATT era quello di prevenire e ridurre le sofferenze umane stabilendo standard internazionali comuni per il trasferimento di armi convenzionali. Il suo preambolo fa riferimento agli obblighi di rispettare e garantire il rispetto del diritto internazionale umanitario e di rispettare e garantire il rispetto dei diritti umani.

Ai sensi dell' articolo 6, paragrafo 3, dell'ATT, gli Stati Parte si impegnano a non autorizzare alcun trasferimento di armi convenzionali se, al momento dell'autorizzazione, sono a conoscenza del fatto che le armi o gli articoli potrebbero essere utilizzati per la commissione di genocidi, crimini contro l'umanità, gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra del 1949, attacchi diretti contro oggetti civili o civili protetti in quanto tali, o altri crimini di guerra come definiti dagli accordi internazionali di cui sono Parte.

Ai sensi degli articoli 7 e 11, gli Stati Parte si impegnano a non autorizzare l'esportazione di armi convenzionali, munizioni, parti e componenti che potrebbero, tra l'altro, minare la pace e la sicurezza o essere utilizzate per commettere gravi violazioni del diritto umanitario internazionale e del diritto internazionale dei diritti umani.

Posizione comune dell'UE sulle esportazioni di armi 2008/944/PESC

Gli Stati membri dell'Unione Europea (UE) sono inoltre vincolati dai termini della Posizione comune 2008/944/PESC del Consiglio, dell'8 dicembre 2008, come norme comuni che regolano il controllo delle esportazioni di tecnologia e attrezzature militari e sono tenuti, tra l'altro, a "negare una licenza di esportazione se esiste un rischio evidente che la tecnologia o le attrezzature militari da esportare possano essere utilizzate per commettere gravi violazioni del diritto umanitario internazionale".

Principi OSCE che regolano i trasferimenti di armi convenzionali

I membri dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), tra cui gli Stati Uniti, sono tenuti ad aderire ai Principi OSCE che regolano i trasferimenti di armi convenzionali (Principi OSCE) nelle loro decisioni sull'esportazione di armi. Il Principio 4 richiede agli Stati di "promuovere e, attraverso un efficace meccanismo di controllo nazionale, esercitare la dovuta moderazione nel trasferimento di armi convenzionali e della relativa tecnologia". Per dare attuazione a tale principio, gli Stati "terranno conto" di una serie di fattori nell'esaminare qualsiasi proposta di esportazione di armi. Essi sono quindi tenuti a evitare qualsiasi trasferimento che violi uno o tutti i criteri OSCE contenuti nei Principi OSCE.

È chiaro che la continua fornitura di esportazioni di armi e aiuti militari a Israele viola tutti questi obblighi. Nel corso degli anni, il sostegno militare a Israele, incontrollato e in molti casi probabilmente illegale a livello internazionale, ha anche permesso, facilitato e mantenuto il regime di colonizzazione e apartheid imposto da Israele per decenni sull'intero popolo palestinese.

Il mancato intervento può anche rendere gli Stati parte complici di atti illeciti a livello internazionale attraverso il favoreggiamento di crimini internazionali e può far sorgere la responsabilità penale individuale di alti funzionari di questi Stati per il favoreggiamento della commissione di crimini di guerra e crimini contro l'umanità ai sensi dell'articolo 25(3)(c) dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale. Date le prove schiaccianti, gli Stati che forniscono armi e altra assistenza militare a Israele non possono affermare di essere all'oscuro della miriade di gravi violazioni del diritto internazionale che vengono e sono state commesse per decenni. La fornitura di equipaggiamenti militari e di supporto militare a Israele con la consapevolezza che probabilmente verranno utilizzati per gravi violazioni del diritto internazionale, compresi i crimini internazionali, comporta l'accusa di complicità.

Mentre Israele continua a importare armi, con oltre 4 miliardi di dollari all'anno solo da Stati Uniti e Germania, si è anche affermato come leader nel settore della cybersicurezza e della sorveglianza ed è tra i maggiori esportatori di armi al mondo, al decimo posto nel 2022. Tali tecnologie sono spesso pubblicizzate come testate con successo sulla popolazione palestinese nel contesto della lunga occupazione israeliana, durante la quale sono state spesso sviluppate. Le nostre organizzazioni chiedono quindi agli Stati di porre fine alle importazioni di armi e tecnologie di sorveglianza da Israele e di denunciarle.

Richieste di misure immediate da parte degli Stati:

L'imposizione di un embargo sulle armi nei confronti di Israele è un obbligo sia legale che morale. In attesa di tale embargo, tutti gli Stati devono sospendere immediatamente tutti i trasferimenti di articoli militari e servizi e assistenza associati a Israele. Gli Stati parte dell'ATT devono porre immediatamente fine agli attuali e vietare i futuri trasferimenti a Israele di armi convenzionali, munizioni, parti e componenti di cui agli articoli 2(1), 3 e 4 dell'ATT.

Oltre a imporre un embargo sulle armi nei due sensi, gli Stati devono anche astenersi dal concludere accordi di cooperazione militare, compresa la formazione militare e la cooperazione operativa di intelligence, che potrebbero coinvolgerli in crimini internazionali e altre gravi violazioni del diritto internazionale.

Le nostre organizzazioni fanno quindi appello a:

  1. Tutti gli Stati devono chiedere un cessate il fuoco immediato, l'accesso incondizionato e senza ostacoli di carburante e aiuti umanitari, compresi acqua, cibo e forniture mediche, nella Striscia di Gaza per alleviare la terribile crisi umanitaria e la revoca immediata del blocco e della chiusura illegale che dura da 16 anni;
  2. Gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Germania, il Canada, l'Italia, i Paesi Bassi e gli altri Stati che autorizzano il continuo trasferimento di armi e di altre forme di sostegno militare a Israele sono tenuti a
  • porre immediatamente fine a tali trasferimenti in conformità con i loro obblighi di diritto internazionale, e
  • interrompere immediatamente la fornitura di qualsiasi materiale, equipaggiamento o altro bene che possa essere prevedibilmente utilizzato per commettere gravi violazioni del diritto internazionale, compresi i crimini internazionali;
  1. Gli Stati che importano armi e tecnologie di sorveglianza da Israele devono interrompere immediatamente tutte le importazioni;
  2. agli Stati di transito di rifiutare che i loro porti e aeroporti siano utilizzati per il trasferimento di armi a Israele; e
  3. Tutti gli Stati parte dell'ATT a cooperare nell'ambito delle organizzazioni internazionali e regionali competenti per imporre un embargo bidirezionale sui trasferimenti di articoli militari da e verso Israele, anche sostenendo la pronta organizzazione di una riunione straordinaria della Conferenza degli Stati parte, come previsto dall'articolo 17.5 dell'ATT.

Elenco delle organizzazioni sostenitrici (sarà aggiornato a rotazione).

Correlato.