Le sottoscritte organizzazioni per i diritti umani condannano la sentenza che ha condannato l'ex portavoce del Movimento giovanile del 6 aprile e attivista politico, Mohamed Adel, a quattro anni di carcere, dopo che ne aveva già trascorsi cinque in detenzione preventiva, in un caso derivante esclusivamente dal suo esercizio pacifico della libertà di espressione. Le organizzazioni sottoscritte affermano che questo verdetto dimostra che le autorità egiziane, compresa la magistratura, prendono di mira gli attivisti politici con accuse fasulle e li sottopongono a processi iniqui come punizione per le loro attività pacifiche, nonostante le iniziative presidenziali e le dichiarazioni del governo che tentano di far intendere un miglioramento della situazione dei diritti umani in Egitto. Le organizzazioni chiedono l'immediato rilascio di Mohamed Adel e degli altri prigionieri di coscienza in Egitto.

Il 2 settembre 2023, un tribunale per reati minori di Aga, Mansoura, ha emesso un verdetto che condanna Adel a quattro anni di carcere nel caso numero 2981 del 2023, dopo che era stato accusato di aver diffuso notizie false sui social media. Aveva già scontato due anni e sette mesi di detenzione, per cui gli resta un anno e cinque mesi di pena, oltre alla possibilità di continuare a essere detenuto in altri casi dopo il completamento della sentenza.

Da quando è stato arrestato nel giugno 2018, all'interno della stazione di polizia di Aga, mentre scontava una condanna in libertà vigilata per un caso precedente, Mohamed Adel ha affrontato un processo iniquo. È stato tenuto in detenzione preventiva per tre casi distinti con accuse simili, tra cui il coinvolgimento con un gruppo illegale e la diffusione di notizie false, in violazione del periodo massimo di detenzione preventiva di due anni e minando le garanzie di un processo equo.

Mohamed Adel è stato precedentemente accusato, in relazione a una denuncia presentata da un residente di Mansoura nel caso numero 5606 del 2018, di essersi unito a un gruppo illegale e di aver diffuso notizie false. Poco dopo, Adel ha affrontato accuse simili nel caso numero 4118 del 2018 a Sherbin. Nel 2020 è stato convocato dalla Procura suprema per la sicurezza dello Stato (SSSP) e ha dovuto affrontare accuse simili nel caso numero 467 del 2020. Adel è stato ingiustamente imprigionato insieme ad altri attivisti alla fine del 2013 per tre anni, fino all'inizio del 2017, con accuse legate a proteste non autorizzate ai sensi della draconiana legge sulle proteste. Meno di un anno e mezzo dopo il suo rilascio, le autorità lo hanno nuovamente arrestato.

Le sottoscritte organizzazioni per i diritti umani ribadiscono la richiesta di rilascio immediato e incondizionato di Mohamed Adel e la cessazione delle violazioni contro gli individui che esercitano il diritto di esprimere le proprie opinioni e di esercitare i diritti costituzionalmente garantiti. Queste organizzazioni sottolineano che il perdurare della sua detenzione non solo viola i suoi diritti, ma costituisce un'ulteriore prova del continuo disprezzo per lo stato di diritto e della vendicativa presa di mira degli attivisti, anche se le loro attività risalgono a un decennio fa o più. Le organizzazioni firmatarie chiedono inoltre alle autorità egiziane di porre fine agli atti di repressione e ai procedimenti giudiziari per motivi politici contro gli attivisti e gli esponenti dell'opposizione politica in Egitto, tra cui quello recente contro l'editore e attivista Hesham Kassem, e di sostenere i principi dei diritti umani e dello Stato di diritto.

Organizzazioni firmatarie:

1. Egyptian Front for Human Rights (EFHR)

2. El-Nadeem Center

3. Association of the Freedom of Thought and Expression (AFTE)

4. Committee for Justice (CFJ)

5. Human Rights Watch (HRW)

6. EgyptWide for Human Rights

7. Egyptian Human Rights Forum (EHRF)

8. EuroMed Rights

9. Humena for Human Rights and Civic Engagement

10. Sinai Foundation for Human Rights

11. Cairo Institute for Human Rights Studies (CIHRS)

12. Egyptian Initiative for Personal Rights (EIPR)

13. CIVICUS

14. Andalus Institute for Tolerance and Anti-Violence Studies

15. FairSquare

16. Refugees Platform in Egypt

17. Amnesty International

18. MENA Rights Group

19. Egyptian Commission for Rights and Freedoms (ECRF)

20. International Commission of Jurists (ICJ)

21. Project on Middle East Democracy (POMED)

22. International Service for Human Rights (ISHR)

23. The Freedom Initiative

24. Democracy For The Arab World Now (DAWN)

25. Egyptian Coordination for Rights and Freedoms

26. The Tahrir Institute for Middle East Policy (TIMEP)

27. Women for Justice Foundation

28. PEN America

Correlato.