I sistemi di difesa prodotti in Italia vengono esportati in Egitto ogni anno, dove vengono utilizzati dalle forze armate e di sicurezza egiziane, che operano in un clima di impunità in cui non sono in vigore meccanismi di tutela adeguati, e il principio di proporzionalità nell'uso della forza viene sistematicamente derogato.

Il rapporto"Made in Italy per Reprimere in Egitto: il Ruolo delle Armi Piccole e Leggere italiane delle Violazioni dei Diritti Umani in Egitto" traccia la fornitura di SALW dall'Italia all'Egitto tra il 2013 e il 2021, evidenziando il nesso tra commerci d'arma e deterioramento dei diritti umani a partire dalla documentazione dell'uso delle SALW prodotte in Italia nelle gravi violazioni dei diritti umani ed atti di repressione interna compiuti da attori statali egiziani.

Il rapporto "Made in Italy per Reprimere in Egitto: Rapporto Annuale sull'Export di Armi italiane all'Egitto nel 2022" inizia una serie di analisi annuali delle esportazioni di sistemi d'arma italiani all'Egitto. Monitorare l'andamento delle esportazioni di armi significa vigilare sull'osservanza dello Stato italiano dei propri obblighi derivanti dalla normativa su diritti umani e vendita di armi, per richiamarlo alle proprie responsabilità per la complicità nella crisi dei diritti umani in Egitto.

Il Rapporto 2022 fa luce sul notevole aumento del valore delle esportazioni di materiale bellico all'Egitto, pressoché raddoppiato rispetto all'anno precedente. Il materiale autorizzato all'esportazione nel 2022 include un ampio numero di pezzi di ricambio, ma anche TNT, un componente chiave usato nella produzione di mine antiuomo, nonostante l'Italia sia parte del Trattato di Ottawa.

Correlato.