Le autorità egiziane dovrebbero rilasciare immediatamente e senza condizioni il dissidente egiziano ed editore della stampa Hesham Kassem, poiché la sua detenzione deriva dall'esercizio della sua libertà di parola, hanno dichiarato oggi 12 organizzazioni. Mentre il suo processo è previsto per il 2 settembre, ai suoi avvocati è stato finora negato l'accesso al suo fascicolo, compromettendo così i suoi diritti al giusto processo. Le circostanze della sua detenzione e del processo suggeriscono fortemente che si tratta di una persecuzione politicamente motivata, come ritorsione per la sua opposizione al governo.

Kassem, uno dei più acuti critici del presidente Abdelfattah al-Sisi e veterano sostenitore della libertà dei media e della stampa, è detenuto con l'accusa di diffamazione per aver condiviso sui social media un articolo su una potenziale corruzione e sarà processato il 2 settembre. La detenzione di Kassem arriva a meno di due mesi dalla sua fondazione della Corrente Libera, una coalizione di partiti e personalità liberali che si oppongono al governo di Sisi e cercano di presentare politiche economiche alternative.

Kassem è nel mirino delle autorità egiziane per il suo lavoro di opposizione pacifica e di promozione della democrazia. Temiamo che possa unirsi a decine di migliaia di prigionieri politici condannati duramente in processi farsa o tenuti per anni in detenzione preventiva.

Nonostante la sua atroce situazione dei diritti umani nell'ultimo decennio, l'Egitto riceve un sostanziale sostegno economico e finanziario dai governi occidentali e dalle istituzioni finanziarie internazionali. Sebbene le autorità egiziane abbiano recentemente affermato di voler affrontare la situazione dei diritti umani, la detenzione di Kassem e la recente ondata di pratiche repressive sono un'ulteriore indicazione che le autorità egiziane non hanno alcuna intenzione di cambiare rotta. Chiediamo alla comunità internazionale di esigere il rilascio di Kassem e di agire a sostegno della crescente popolazione di prigionieri politici in Egitto.

Il 19 agosto, sebbene Kassem sia stato convocato dalla Procura del Cairo meridionale come testimone, il giorno successivo ha scoperto di essere interrogato come sospetto in relazione a una denuncia per diffamazione presentata dall'ex ministro Kamal Abu Eita. In precedenza, Kassem aveva condiviso sui suoi social media articoli di giornale riguardanti accuse di corruzione nei confronti di Abu Eita. Il procuratore ha accusato Kassem di diffamazione e ha fissato una cauzione di 5.000 EGP, una procedura insolita nei casi di diffamazione, secondo gli avvocati di Kassem, che ha quindi chiesto di pagare la cauzione.

Il giorno successivo, mentre Kassem e i suoi avvocati attendevano la decisione del Procuratore in merito alla richiesta di abolizione della cauzione, hanno appreso che era stata presentata un'altra denuncia da parte di tre agenti di polizia che sostenevano che Kassem li avesse aggrediti verbalmente mentre svolgevano il loro lavoro. Il caso è stato deferito al tribunale con una sessione urgente fissata per sabato 2 settembre. Agli avvocati di Kassem non è stato concesso l'accesso ai documenti del caso, il che compromette il suo diritto a un processo equo. Secondo gli standard internazionali, gli imputati hanno diritto a un tempo adeguato per preparare la loro difesa, il che richiede che i tribunali e i pubblici ministeri concedano loro l'accesso ai fascicoli del caso.

Informazioni su Hesham Kassem

Hesham Kassem (64 anni) è un noto editore di stampa egiziano, difensore dei diritti umani e politico liberale. A metà degli anni Novanta ha pubblicato la rivista in lingua inglese Cairo Times, che è stata costretta a chiudere a causa delle restrizioniimposte dal governo. Nel 2004 ha co-fondato Al-Masry Al-Youm, il primo quotidiano indipendente in Egitto dopo decenni, che è diventato rapidamente uno dei principali giornali del Paese, sfidando il dominio dei media statali. Kassem è l'ex presidente dell'Organizzazione egiziana per i diritti umani. Hesham Kassem è anche un ex membro del Comitato direttivo del Movimento mondiale per la democrazia e ha ricevuto il Premio per la democrazia 2007 del National Endowment for Democracy.

Nel 2018, Kassem è stato uno dei membri fondatori della Coalizione della speranza, un'alleanza di personalità e partiti dell'opposizione che mirava a candidarsi come lista comune alle elezioni parlamentari del 2019. La coalizione è stata interrotta dopo che le autorità egiziane hanno arrestato e imprigionato diversi dei suoi leader, in quello che è stato poi chiamato il caso della "Cellula della speranza". Nel giugno 2023, in vista delle prossime elezioni presidenziali, Kassem ha co-fondato la Corrente Libera, una coalizione liberale di partiti e personalità dell'opposizione, che cerca di presentare alternative alle politiche ed economiche del governo Sisi. 

Informazioni sui prigionieri politici in Egitto

Dal colpo di Stato militare del luglio 2013, il numero di prigionieri politici in Egitto è cresciuto esponenzialmente. Decine di migliaia di prigionieri di coscienza stanno scontando sentenze emesse in processi gravemente iniqui o sono detenuti in custodia cautelare, a volte per periodi che superano il limite di due anni previsto dalla legge egiziana.

Le condizioni carcerarie in Egitto sono peggiorate significativamente nell'ultimo decennio. L'accesso alle cure mediche e il diritto di visita sono concessi arbitrariamente, mentre alcuni prigionieri trascorrono anni in isolamento. Nel 2019, gli esperti delle Nazioni Unite hanno avvertito che migliaia di detenuti in Egitto "potrebbero subire gravi violazioni dei loro diritti umani, molti dei quali potrebbero essere ad alto rischio di morte". Questa sembra essere una pratica costante e intenzionale dell'attuale governo del presidente Abdel-Fattah Al-Sisi per mettere a tacere i dissidenti". Le autorità egiziane si rifiutano tuttora di concedere l'accesso alle carceri ai gruppi indipendenti per i diritti.

Nell'aprile 2022, il presidente Abdelfattah al-Sisi ha indetto un dialogo nazionale e successivamente è stato riattivato un comitato presidenziale per la grazia. Tuttavia, secondo la campagna Till the Last Prisoner, un'iniziativa guidata dai difensori dei diritti umani egiziani, mentre le autorità hanno rilasciato 1.662 prigionieri tra l'aprile 2022 e la metà di luglio 2023, altri 4.968 sono stati nuovamente detenuti con accuse a sfondo politico. 

Organizzazioni firmatarie:

  1. Cairo Institute for Human Rights Studies (CIHRS)
  2. Istituto Andalus per gli studi sulla tolleranza e la lotta alla violenza
  3. Committee for Justice
  4. Egyptian Commission for Rights and Freedoms
  5. Egyptian Front for Human Rights
  6. EgyptWide for Human Rights
  7. Egyptian Human Rights Forum (EHRF)
  8. EuroMed Rights
  9. Casa della Libertà
  10. Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH)
  11. PEN America
  12. Movimento Mondiale per la Democrazia

Correlato.